Kaffeine alla versione 1.0

Persino la pagina del sito di KDE dedicata ai software che devono ancora essere portati alla versione 4 del DE non è ancora stata aggiornata dopo l’annuncio ufficiale, recentissimo: Kaffeine, finalmente, è stato rilasciato in versione stabile, 1.0.

Lo si aspettava da anni, ormai mi ero abituato a usarlo in versione pre-stable uscita il 31 gennaio.

Secondo me il miglior player video per KDE (niente da dire contro VLC, anzi, ma Kaffeine si integra decisamente meglio). Non sono un grande appassionato di player multimediali, ma ho pensato che è più che giusto dare la notizia di questo bel software. KDevelop uscito poche settimane fa ha avuto una risonanza molto ampia, e ritengo che anche Kaffeine meriti pubblicità.

Advertisements

KDE SC 4.5 beta 1

Appena uscita la prima beta della nuova versione della Software Compilation di KDE: la 4.5. Perché ogni volta che esce una nuova versione di KDE (pardon, KDE SC), sento l’irrefrenabile impulso di ricominciare le ricompilazioni giornaliere dall’svn? Perché ogni volta che leggo le novità introdotte penso “Finalmente!”, anche se nei fatti sono già soddisfatto del DE con cui lavoro ogni giorno per molto, molte ore al giorno?

Le novità principali presenti sull’annuncio non sono molte.

Read more of this post

Blogilo: un editor di blog per KDE

L’ho scoperto per caso compilando kdepim e mi e piaciuto discretamente. Si tratta di Blogilo, un programma che mi sembra utile e comodo per la scrittura e la modifica degli articoli dei blog.

Ho usato Blogilo per questo post

Read more of this post

Sabayon 5.1 Core

Lo aspettavo da tempo. Durante l’attesa mi ero "divertito" a farmi la mia Sabayon Core, senza risultati degni di nota, prendendo una Sabayon KDE e togliendo tutto (è divertente vedere quanti pacchetti di una Sabayon KDE dipendano dalle librerie Qt!) ciò che era interfaccia grafica e desktop environment.

Ora finalmente è uscita, e appena avrò tempo la proverò, e forse ne scriverò anche alcuni risultati. Per il momento abbiamo lo scarno annuncio ufficiale e il Press Release con pochi dati tecnici.

Amarok: finalmente mi ricorda Amarok

Amarok3 Il nuovo (anche se ormai ha tre settimane) Amarok 2.2 Sunjammer mi sembra ormai essere tornato agli splendori della prima, mitica, versione di questo magnifico player.  E non tanto perché io voglia un player perfetto, con chissà quali esigenze musicali, acustiche,…  ma perché finalmente ha ritrovato quella comodità nell’interfaccia che le versioni 2.x avevano perso.  Sì, sto parlando di quella orrenda, inutile (di solito) zona centrale della finestra che contiene informazioni,  voci di Wikipedia, cosacce simili… Per carità, carine, simpatiche, utili. Ogni tanto. Quando voglio solo selezionare la mia playlist come voglio io (cosa che adoro di questo programma), è solo scomoda, quella zona con i widget. Read more of this post

Una recensione (non mia) di Windows 7

Mi riferisco ad un articolo apparso su Repubblica.it e scritto da Ernesto Assante (link al suo blog su Repubblica.it). Sorvolando sulla grammatica (e in particolare la punteggiatura) dell’articolo, dà un punto di vista interessante di un prodotto che, per distiguersi dalle controparti opensource, si dà le arie da “out of the box”: tutto funziona subito, non bisogna smanettare per configurare il sistema (è “meno geek”, dice l’articolo). Nei fatti, lo stesso autore dell’articolo, che dà un “tranquillo 8” al sistema operativo della Microsoft, ha indivituato i seguenti problemi:

  • Impossibilità di preservare i propri dati salvo backup personale e le configurazioni del sistema e dei programmi (a meno di non sapere per filo e per segno dove sono salvati, il che, per un sistema Windows è un’impresa non da poco). L’upgrade da XP, sistema che la stessa Microsoft continua a commercializzare accanto a Vista, rendendolo di fatto competitore di quest’ultimo, non è consigliato. Esiste una possibilità di “virtualizzazione”, termine che ho il sospetto non sia stato capito appieno dall’autore dell’articolo, che dovrebbe preservare i dati personali, ma non si capisce che tecnica di virtualizzazione sia, né a che cosa serva virtualizzare un sistema che non si vuole più, togliendone funzionalità essenziali, solo per salvare qualche dato.
  • Errori pacchiani nel processo di installazione. L’incomprensibile necessità di Windows di riavviarsi più volte durante l’installazione ha bloccato ripetutamente il computer dell’autore.
  • Una ditta che si fregia di avere pieno supporto hardware garantito da tutti i produttori, non riconosce alcuni componenti: l’autore parla ad esempio del digitale terrestre e della scheda grafica non riconosciuta, lasciando intendere che questi siano solo alcuni problemi.

Read more of this post

KDE raggiunge il milione di commits

Una notizia molto interessante per KDE: il suo repository SVN conta più di un milione di commit. Lo hanno annunciato il 20 luglio sulla loro piattaforma gli sviluppatori per voce di Jeff Mitchell. Questo dà quantomeno un’idea di quanto lavoro ci sia dietro questo progetto di proporzioni più o meno mastodontiche.

È simpatico il fatto che nella stessa pagina della notizia, in calce, quasi in piccolo, è stato annunciato brevemente e senza commenti che nello stesso giorno di questo traguardo Amarok, il celeberrimo player audio ha spostato il proprio repository su gitorious.org, passando quindi a git. Informazioni più dettagliate su questa migrazione si trovano nel blog di amarok.

Viene detto che sia il primo progetto di KDE a lasciare il repository svn, ma a dir la verità pochi mesi fa, Eigen, che fa più o meno parte di KDE per certi versi, è passato a bitbucket.org, migrando quindi a mercury. Ma è naturale che Eigen passi molto sottovoce, mentre Amarok…