Geometria interattiva con Kig

Uno strumento di kdeedu che mi sembra davvero ottimo per lo studio della geometria è Kig. Questo programma offre un’enorme varietà di strumenti per la costruzione di lavori di geometria planare e può risultare utile non solo a studenti delle scuole medie o medie superiori, ma anche a utenti più esperti.

Le entità geometriche con cui si può lavorare variano dai semplici oggetti che tutti conoscono (rette, semirette, segmenti, vettori, circonferenze, ellissi, parabole, coniche in generale, poligoni,…) fino a trasformazioni che non sono proprio alla portata di tutti (dalle semplici traslazioni o rotazioni fino a trasformazioni proiettive).

Naturalmente, il punto di partenza di tutto è il punto, che può essere piazzato sul foglio di lavoro con il mouse oppure dandone le coordinate cartesiane esatte.

Costruzione della circonferenza

Read more of this post

L’ottimizzazione con Gnumeric

Si può fare - meglio - anche con Gnumeric

Si può fare - meglio - anche con Gnumeric

Avevo anticipato sfuggevolmente che ne avrei riparlato. Ed effettivamente ne vale assolutamente la pena. Nell’articolo sull’ottimizzazione con Openoffice avevo citato le lacune del risolutore che ne precludevano l’uso per scopi professionali. Ebbene Gnumeric, contro le mie aspettative, si dimostra uno strumento molto avanzato per problemi di ottimizzazione lineari o quadratici. A dir la verità comprende tutta una serie di strumenti per l’analisi statistica o per numerica di cui non ero a conoscenza; esiste persino uno strumento per l’analisi di Fourier!

Read more of this post

Ottimizzazione lineare su OpenOffice.org

Update: vedere anche l’analogo articolo su Gnumeric.

Non sono solito usare OpenOffice, visto che uso il computer prevalentemente per programmare, navigare e guardare film (nonché giocare). Ma nel corso di Introduzione all’ottimizzazione a un certo punto veniva usato Microsoft® Excel® per lavori di ottimizzazione lineare (problemi di massimo a di minimo condizionati), ho pensato: “vediamo se anche OpenOffice ce la fa!”. Ed ecco qui il risultato.

Read more of this post